FacebookYouTubeTwitterPinterest
PER MAGGIORI INFORMAZIONI 3483719159 SEGRETERIA CORSI 9.00-21.00

Massaggio Connettivale Riflessogeno: tecnica e modalità

Per quanto riguarda la tecnica del Massaggio Connettivale Riflessogeno, si può dire che è un trattamento da fare in “punta di dita”.

Infatti per compiere la trazione del tessuto connettivo si devono appoggiare saldamente i polpastrelli del terzo e quarto dito e calibrare la pressione in modo da poter trazionare la zona fino al punto prestabilito.

L’entità dello spostamento è il segno della gravità del disturbo e migliora a ogni trattamento.

Se le mani vengono poste perpendicolarmente alla zona da trattare e si dosa diversamente la forza si avrà un trattamento sulle fasce più profonde.

Il protocollo applicativo stabilisce che le sedute abbiano inizio e fine sempre sul sacro.

Vengono chiamate: PICCOLA COSTRUZIONE E GRANDE COSTRUZIONE una serie di manovre (trazioni) che si eseguono sempre, a prescindere dal disturbo di cui soffre il cliente.

La metodica esecutiva suggerisce di praticare la piccola costruzione per i primi trattamenti, passare alla grande costruzione e quindi trattare anche le zone specifiche del disturbo accusato dal cliente.

Il dosaggio del Massaggio Connettivale Riflessogeno svolge un ruolo determinante ai fini del trattamento terapeutico: si inizia con un trattamento superficiale, ottenendo così un rilassamento, per via riflessa, anche degli strati più profondi per poi passare a trazioni più potenti.

Il dosaggio costituisce un elemento importante anche nella programmazione del trattamento: si inizia sempre con la preparazione di base dei segmenti della schiena estranei o lontani da quelli colpiti dal disturbo, che sono ipersensibili, e gradualmente, si inseriscono i trattamenti locali sul segmenti colpiti.

ll Massaggio Connettivale Riflessogeno ha un potente effetto rilassante per cui va eseguito in un orario adatto all’attività del cliente (che gli consenta, cioè, di potersi anche addormentare dopo il trattamento).

Tra gli effetti immediati si possono osservare “segni” sulla pelle differenti per colore e durata, sensazione di calore sulla zona trattata sia direttamente o sulla zona riflessa corrispondente.

Tutte queste reazioni scompaiono dopo Ie prime sedute.

Le indicazioni terapeutiche del Massaggio Connettivale Riflessogeno sono molte e vanno dall’emicrania alla paralisi e a tutte le condizioni patologiche ortopedico–traumatologiche (postumi di frattura, artrosi, ecc.).

Video Dimostrativo Massaggio Connettivale Riflessogeno – THEMIS

Risulta eccellente anche in ambito estetico per il trattamento di smagliature, rughe e cellulite.

Chiaramente il trattamento deve essere eseguito da operatori competenti che abbiano frequentato un corso di massaggio connettivale presso una scuola certificata.

Richiedi senza impegno maggiori informazioni sui nostri

Corsi di Massaggio Connettivale Riflessogeno a Padova, Vicenza e Treviso!